Editoriale n.14 – Novembre 2008

162

di Alessandro Moriccioni

Quella appena passata, è stata l’estate più turbolenta mai attraversata dalle testate che si occupano di misteri storico-archeologici. Tutto è iniziato con il trimestrale Archeomisteri, diretto dal ricercatore Roberto Pinotti, edito dalla casa editrice Olimpia. Per ragioni che probabilmente riguardano il tedioso rapporto tra costi e ricavi economici, la nota casa editrice ha deciso di sospenderne la pubblicazione. Senza perdersi d’animo il Dottor Pinotti è stato, come ha sempre dimostrato in passato, capace di far valere le sue ragioni riuscendo ad indurre la Acacia Editore, già proprietaria di Hera e I Misteri di Hera del dopo era Forgione, a prenderne le redini continuando l’opera iniziata sotto l’egida dell’Olimpia. Oggi Archeomisteri ha cambiato nome, assumendone uno ovviamente calzante a chi la possiede; chiamandosi infatti Archeomisteri di Hera, ma ha mantenuto la sua linea critica, indipendente ed assolutamente non concorrenziale, vale a dire collaborativa con le altre testate in circolazione. Quindi, sia con Hera che con Mystero ed Archeologia proibita. Siamo dunque fieri di segnalare che nel numero attuale di Archeomisteri di Hera (che ha continuato regolarmente la serie senza privare i lettori nemmeno di un numero) è stato pubblicato l’articolo di Alessandro Moriccioni ed Andrea Somma “Il Tesoro Scomparso di Caio Cestio”, scritto anche grazie alla collaborazione degli amici archeologi e speleologi di Sotterranei di Roma.
Siamo poi ad invitarvi ad acquistare il nuovo magazine diretto di Adriano Forgione, ex direttore ed editore della sopraccitata rivista Hera, con apprezzatissima ironia intitolato Fenix, edito da Xpublishing, che si annuncia davvero interessante ed innovativo seppure nella sua linea generale siamo certi non deluderà gli afecionados rimasti troppo a lungo orfani di Adriano Forgione. Insomma la maretta estiva non ha minimamente intaccato le vostre pubblicazioni preferite, seppure ci ha provato incessantemente, incrementando anche la crescita stessa di Terra Incognita Magazine che, con il nuovo numero ed il seguente nuovo anno, vedrà l’ingresso di nuove preziosissime collaborazioni e di sempre nuove risorse.
Per finire diamo uno sguardo di nuovo in casa Acacia. Dopo un’aspra polemica sorta sul forum del sito www.turistipercaso.it, riguardante la non trasparentissima operazione dei DVD de “I Misteri di Syusy Blady”, pare che la pubblicazione di questo supporto (riedizione della nota trasmissione RAI “Misteri per Caso”) sia stata sospesa per cause ufficialmente legate all’acquisizione dei diritti TV, stranamente ignorati per i primi tre numeri. Non ci esporremo ovviamente affermando se sia un bene o un male, ma, questa sospensione, indica ancor di più, se mai ce ne fosse ancora bisogno, quanto la congestione e la saturazione editoriale abbiano aggravato la già precaria situazione delle redazioni italiane, non dimentichiamo lo scherzo di cattivo gusto subito dalla Redazione Romana di Famiglia Cristiana attualmente dimenticata in cassa integrazione. Crisi ovviamente legata ad un Euro impazzito ed incontrollato sin dal proprio debutto sulla scena economica che pesa sulle tasche dei sempre più poveri italiani in un paese nel quale la politica si spartisce o malamente consuma le poche risorse disponibili.