Santo Stefano ad rivum maris

216

di Nicoletta Travaglini

L’abbazia benedettina di Santo Stefano ad Rivum Maris sorgeva su una collinetta nei pressi del territorio di Casalbordino, località balneare abruzzese della costa adriatica.
santo_stefano_adrivumEssa sorse sui ruderi di una basilica pagana con cimitero annesso, intorno al V secolo d.C., e divenne subito potente poiché poteva contare su una ottima posizione strategica e su varie rendite, tra cui Casalbordino, che ne rappresentava l’azienda fondiaria, oltre che una sua dipendenza.
Intorno al 1070, quando i normanni invasero l’Abruzzo, attraverso l’antica via Traiano – Frenata, poi diventata il tratturo L’Aquila – Foggia, l’abbazia fu distrutta e monaci uccisi. Nonostante tutto, essa venne ricostruita di nuovo e venne unita alla più potente abbazia di Santa Maria di Arabona, ma questo non le servì a nulla poiché intorno al XV secolo, in seguito alle lotte intestine che opposero le diverse fazioni favorevoli e contro la regina Giovanna II, essa fu saccheggiata e profana.
I monaci non demorsero e rimboccatesi le maniche, ricostruirono per l’ennesima volta l’edificio, purtroppo nel 1566 in seguito alle invasioni dei turchi, la chiesa fu saccheggiata e i monaci furono appesi alle mura dell’edificio, poi furono scorticati e infine bruciati insieme all’abbazia. Da allora i frati abbandonarono questo posto maledetto, forse perché costruito su terreno non consacrato e i ruderi di questa magnifica abbazia, oggi sono testimoni muti di un orrore infinito.
Molte sono leggende nati intorno a questo luogo, che si affaccia proprio sul mare adriatico, la più famosa sostiene che durante la notte del 31 ottobre essa sia illuminata da migliaia di torce, e sia meta di una lenta e silenziosa processione di incappucciati, forse i fantasmi dei poveri monaci trucidati.