Luoghi misteriosi: Rocca Calascio (AQ)

374

Un nuovo viaggio alla scoperta dei luoghi misteriosi d’Italia: Rocca Calascio (AQ)

di Hunter Brothers

Luogo di particolare interesse storico e culturale è sicuramente la Rocca di Calascio.  Situata al centro del Parco Nazionale del Gran Sasso, su una vetta che sovrasta tutta la valle del Tirino, gode di un panorama eccezionale, che va dal Monte Gran Sasso fino quasi a scorgere nelle giornate limpide  il mare abruzzese. La rocca è una delle più alte d’Italia e si trova quasi a 1500 mt . di altezza sul livello del mare. Bellissima in veste estiva lo è  ancor di più in quella invernale, periodo nel quale il sito è praticamente isolato ed inaccessibile per via della neve.  La sua costruzione risalente all’anno 1000  nasce come torre di avvistamento ed è tutt’ora utilizzata a questo scopo dalla Protezione Civile per servizi di prevenzione incendi.
Nel 1400 circa ha subito un evoluzione con un ulteriore fortificazione a scopo difensivo e di comunicazione con altre fortificazioni attraverso segnali luminosi, fino all’Adriatico.  La sua posizione strategica gli ha permesso di sopravvivere ai secoli in quanto il dominio sulla valle, zona di passaggio delle enormi gregge che attraversavano il territorio per la transumanza ,  forniva introiti in cambio di protezione ai passanti che si dirigevano verso Foggia lungo quello che era chiamato “Regio Tratturo”. Questo ha permesso lo sviluppo di un piccolo borgo, attualmente abbandonato, adiacente alla fortificazione. Dopo l’acquisto da parte della famiglia Medici, nel 1700 un tremendo terremoto ha devastato il borgo rendendolo disabitato.
La struttura presenta un ingresso principale con un ponte levatoio, Una torre centrale detta “maschio” divisa all’interno su tre piani e sviluppata in altezza, contornata da in camminatoio ampio ed una cinta muraria merlata con diverse feritoie, idonee per forma sia all’uso di archi che successivamente di armi da fuoco.  La torre centrale è sicuramente antecedente a tutto il resto della struttura. Quattro Ulteriori torri, poste sugli angoli danno un idea di robustezza ed inaccessibilità al castello. Le basi delle torri presentano pendii scoscesi e servivano come magazzini e come cisterne per l’acqua. La rocca dopo diversi restauri è attualmente  accessibile al pubblico.
Nei pressi della Rocca sorge anche una chiesa. Risalente al 1500 circa che prende il nome di  Santa Maria della Pietà. La caratteristica di questa chiesa è la pianta ottagonale e le finestre basse e larghe. Queste permettevano ai pastori con gli armenti al seguito di assistere alla funzione dal di fuori senza dover necessariamente dover  abbandonare il gregge per poter entrare.
Il castello, ben conservato caratterizzato da mura di pietra bianca, è stato utilizzato come set per diversi film, tra i quali “Lady Hawk” ed “Il nome della Rosa”.  Il suo affascinante stile medioevale ed il paesaggio mozzafiato fanno di questo posto poco conosciuto un luogo che vale la pena visitare, ma anche un luogo contemplativo e di meditazione immerso nella natura.